SUPERMERCATO SUPEREMME: campione regionale “Under 19”

La Federazione Italiana Pallacanestro ha assegnato il suo primo titolo regionale. Sovvertendo i pronostici della vigilia la laurea di campione regionale Under 19 l’ha conseguita la Pielle Matera targata SUPERMERCATO SUPEREMME.

La formula del calendario ha fatto si che le due squadre, appaiate a pari punti alla vetta della classifica, si affrontassero nell’ultima di campionato.

Ne è uscita una gara bellissima ed intensa fin dalle prime battute. Non godendo i favori del pronostico i materani hanno affrontato la gara con più concentrazione imponendo un parziale di 10 2 al 5’ di gioco e 16 - 6 al termine del 1° quarto con i potentini “freddati” dall’approccio degli avversari, ed a referto solo su tiri liberi.

Reazione dei potentini ad inizio secondo quarto ma il finale era in favore dei ragazzi materani che con attenta applicazione attaccavano con successo la zona avversaria chiudendo il quarto ancora avanti di 10 lunghezze (31-21).

L’intervallo lungo è servito ad ordinare le idee alla squadra di coach De Angelis che, forti della loro maggiore esperienza, rimontano chiudendo  terzo quarto in perfetta parità (44-44) e riaprendo la partita. Ma la voglia di un successo insperato, la grande applicazione difensiva e il grande orgoglio dei ragazzini materani, più piccoli di età ed anche meno dotati fisicamente rispetto ai loro avversari, produceva un miniallungo che sembrava decidere il tutto in loro favore.

Solo una grande giocata del play Di Tullio ristabiliva la perfetta parità a 5 secondi dal suono dell’ultima sirena.

Nel supplementare l'avvio lasciava presagire che le energie fossero ormai terminate per i materani, avendo accusato il contraccolpo psicologico dovuto alla rimonta degli ospiti. Ma dopo un 5 a 0 per i potentini, due canestri pesanti dai 6,75 ristabilivano la parità.

Nel finale di supplementare complice i nervi tesi vi è stato un prevedibile calo psico fisico degli ospiti, che hanno effettuato poche rotazioni, avendo affrontato la gara con soli 8 atleti a referto. Grande è stata  la capacità dei giovani Piellini di chiudere tutti i varchi e essere freddi sia in attacco che dalla linea della carità. Vincendo la gara si sono qualificati alla disputa dello spareggio per l’interzona per le finali nazionali del campionato “Under 19 d’elite”.

Una vera impresa per i ragazzi allenati da coach Losito, considerando che ad inizio dell’anno sportivo, inimmaginabile era il raggiungimento di tale obiettivo, considerando il gap che divideva le due squadre gli anni scorsi. Ma il duro e qualitativo lavoro di tutto il team Pielle, ha portato i suoi frutti colmando la differenza tecnica che divideva le due squadre, appagando così atleti, tecnici e dirigenti del loro lavoro.

L’impresa assume maggior risalto se si considera che nella squadra materana fanno parte ben 6/7 atleti dell'under 17 che, affiancati ai più esperti Di Marzio, Paparcone, Dagostino, Scalcione, Sacco, Roberti, Marchitelli e Paolicelli, oltre a ben figurare, in alcune occasioni, come nell’ultima gara, sono risultati decisivi.

Soddisfazione in casa BAWER, il progetto avviato dalla Pielle, sua società satellite continua a dare risultati, come conferma il dirigente Nicola Filazzola: “E’ un risultato che ci riempie d’orgoglio. Obiettivamente nei programmi delle giovanili, visto il divario degli scorsi anni, non era previsto questo successo, per questo motivo ci riempie di gioia. Alcuni ragazzi dell’under 19 ormai fanno parte a pieno titolo del roster della prima squadra. Un’esperienza certamente utile alla loro formazione”.

Questi i tabellini della gara:

SUPERMECAATO SUPEREMME PIELLE MATERA: Di Marzio 18, Loperfido R.16, Paolicelli 2, Loperfido G.9, Dagostino 20, Sacco 3, Paparcone 4, De Palo n.e., Scalcione, D’Ercole 9, Roberti n.e.. All. Losito

TIMBERWOLVERS POTENZA: Cutolo 19, Pocchiari 6, Montemurro 3, Ciardullo 6, Di Tullio 9, Landi 5, Leone 11, Guma 15. All. De Angelis.

Arbitri: Racanelli e Cristallo.

Parziali: 16 – 6; 31 – 21; 44 – 44; 65 – 65; 81-74.

Usciti per 5 falli: Loperfido G. (Matera), Montemurro, Ciardullo e Guma (Potenza).