Ci sono molti modi di intendere lo sport e la pallacanestro in particolare. Qualcuno vede nel risultato ad ogni costo l'unico obiettivo che conta, oppure ragionano in termini di piccole contrapposizioni che però non portano lontano. Questa splendida giornata, con centinaia di bambini coinvolti e oltre duemila persone accorse al PalaEvangelisti ha voluto parlare una lingua diversa. Quella dei valori forti che il basket porta con se, fatti di confronto, di amicizia e voglia di giocare.
Principi che hanno animato il Minibasket Challenge, il torneo organizzato da Basket Academy e dedicato ai più piccoli, nato qualche anno fa proprio dall'esigenza di permettere ai bambini di giocare, di avvicinarsi subito in una forma serena all'agonismo e alla partita, grazie a regole semplici, flessibili in virtù del clima di collaborazione e rispetto tra gli istruttori.
Quelli che ogni giorno, con una pazienza infinita nelle loro società e i loro centri, nelle loro palestre, tra non poche difficoltà continuano a  trasmettere la passione per questo sport ai futuri piccoli cestisti.

 

Si è giocato tanto in questi primi mesi della stagione, ma una giornata finale così bella davvero era difficile immaginarsela. Fin dalle tre del pomeriggio  in tante diverse palestre è stato un crescendo di emozioni, e lentamente poi il PalaEvangelisti è diventato il contenitore di tutta questa passione. Preparati gli stand delle associazioni benefiche (da Emergency al DAT, da Amnesty agli Amici del Congo con i loro buffissimi cappelli colorati fatti con i palloncini), e lo spazio dedicato a Peppa Pig e ai suoi pulcini, piano piano il Palasport si è colorato delle maglie delle oltre 20 associazioni di tutta la regione che hanno partecipato, ed è diventato per qualche ora la casa di tutto il basket. Bellissimo colpo d'occhio davvero e grande entusiasmo quando il gruppo dei Dunk Italy hanno dato il via al loro attesissimo spettacolo, con evoluzioni e gag che hanno catturato l'attenzione di tutti, bambini, ragazzi, ragazze, genitori e appassionati.
Ricevuto anche il saluto dell'Amministrazione Comunale che insieme  al Comitato Regionale della FIP ha patrocinato l'Evento, rapidamente è stato allestito un grande banchetto, (più di tremila panini a base di porchetta!!) che ha permesso a tutti di riprendersi dalle fatiche della giornata e assistere alla partita di una formazione giovanissima che quest'anno ha affrontato con coraggio il difficile campionato di Serie B. Una bella sfida, inserita appositamente nel programma proprio nello spirito della giornata, a voler dire cioè che non si deve aver paura di confrontarsi, che si può tener testa alla seconda in classifica con spirito di squadra e voglia di farcela, che il basket è fantastico anche quando non si è i primi della classe, ma c'è invece ancora tanto da imparare. Beh, in questo senso i ragazzi della Sicoma hanno portato un'altra bella testimonianza, ed è apparso chiaro che minibasket e il basket non sono due cose lontane e separate ma capitoli diversi di una storia comune, che può portare lontano. All'intervallo grande premiazione per tutti, con il braccialetto offerto da Petrolio distribuito da un Babbo Natale molto speciale, e da Paolo Galletti, esempio con le sue aziende di una imprenditoria vicina allo sport.
Grazie da parte di Basket Academy a tutti quelli che hanno partecipato e contribuito al successo di questo evento straordinario, ai moltissimi volontari che hanno permesso che la Festa fosse davvero tale. Molti sono gli stessi ragazzi del settore giovanile, hanno corso, arbitrato, pulito, asciugato, allestito, scaricato, consegnato. Insomma hanno confezionato una giornata difficile da dimenticare. Auguri al tutti, auguri al basket.